2 contenuti / 0 new
Ultimo contenuto
Fede13
CONTRASSEGNO DISABILI

Ciao a tutti!
E' la prima volta che scrivo in un forum...ma vorrei raccontare la mia storia, sperando possa essere d'aiuto a qualcuno.
Ho la SM dal 2013 (anno della diagnosi) con un punteggio EDSS di 2.0. Tutto sommato posso ritenermi fortunata, perchè cammino autonomamente fino a 200 m circa, anche se molto spesso ho bisogno di un'altra persona a cui appoggiarmi.
A maggio 2018 ho fatto la visita all'INPS per il rinnovo dell'invalidità. Erano 3 medici in commissione, di cui uno, appena mi sono seduta, ha risposto ad una telefonata, è uscito e non l'ho più visto. Gli altri due medici si sono limitati a registrare i referti e mi hanno liquidata dopo appena 5 minuti senza neanche farmi una domanda su come stavo, come gestivo le mie cose, ecc.
Dopo tanti anni mi ero decisa di fare la domanda per il contrassegno disabili, visto che ogni volta che vado in un posto devo prima verificare e accertarmi che ci sia un parcheggio vicino. Sono quindi andata, con il verbale dell'INPS, all'ASUR e mi sono sentita rispondere che non avevo i requisiti per fare la domanda! Ero allibita! In pratica i "cari" medici dell'INPS avevano decretato che io stavo talmente bene che non avevo necessità particolari. Inoltre mi hanno dato l'invalidità non più revisionabile, come se le mie condizioni attuali saranno le stesse per sempre! Io me lo auguro vivamente....ma essendo una malattia neurodegenerativa potrebbe anche non esserlo! Ma questi sanno di cosa stiamo parlando???? Non lamentiamoci poi che ci sono i falsi invalidi!!!!
Ho quindi chiamato il consulente legale dell'AISM che mi ha detto che la Legge n. 5 del 9 febbraio 2012, che impone all'INPS di inserire nel verbale se l'interessato abbia o meno i requisiti, non ha tolto la competenza all'ASUR di rilasciare lo stesso i certificati. Mi ha consigliato di fare domanda specifica per il contrassegno, portando anche una relazione dettagliata della neurologa che descriveva il mio stato, i sintomi, la gestione delle cose quotidiane, le difficoltà, ecc.
Alla visita all'ASUR ho trovato una dottoressa che, oltre a leggere i referti, mi ha fatto anche molte domande per sentire come stavo e come affronto i problemi di tutti i giorni, ha voluto vedere come camminavo, ed alla fine mi ha rilasciato il certificato per il contrassegno disabili!!
Vorrei sbatterglielo in faccia a quei medici dell'INPS e dire loro che nei referti c'è solo scritto lo stato della malattia, non le difficoltà che dobbiamo affrontare e i dolori che dobbiamo sopportare!
Spero di aver fatto cosa utile a qualcuno.... :) :)

Dona ora