AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Cerca la notizia

E.g., 17/01/2022
E.g., 17/01/2022
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

Vaccinazione Covid-19 nei bambini dai 5 ai 11 anni. Che fare per chi ha la sclerosi multipla?

Il Comitato Tecnico Scientifico ha raccomandato l’impiego dei vaccini anche nella fascia di popolazione più giovane. Cosa comporta per le famiglie in cui ci sono bambini con sclerosi multipla? Risponde il Dott. Claudio Gasperini

03/12/2021
Vaccini anti Covid-19 e sclerosi multipla

 

Dopo aver affrontato il tema della terza dose di vaccini anti SARS-CoV-2 nella popolazione generale e nelle persone con sclerosi multipla, torniamo sull’argomento per dare alcune indicazioni alle famiglie che convivono con bambini che hanno la sclerosi multipla.

 

La Commissione Tecnico Scientifica di AIFA ha infatti approvato l’estensione dell’indicazione del vaccino anti SARS-CoV-2 anche per la fascia di età 5-11 anni.

 

Alla luce di questa decisione in molte famiglie potrebbero sorgere domande e dubbi circa la somministrazione del vaccino. È opportuno farlo anche ai bambini con sclerosi multipla? È sicuro? Quali sono le modalità di somministrazione? Per rispondere abbiamo intervistato il dott. Claudio Gasperini, neurologo presso lAzienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini di Roma, nonché coordinatore del gruppo di Studio SM in seno alla Società Italiana di Neurologia.

 

 

¯Quello ottenuto in questi giorni è un risultato molto importante, perché permette a tutta la popolazione - e in particolare anche ai bambini con sclerosi multipla - di avere una protezione contro il Covid-19 - dice il dott. Gasperini - I dati ottenuti dalla sperimentazione fino ad oggi ci dicono che anche in questa fascia di età il vaccino è molto efficace, arriva al 95% di copertura dall’infezione, e soprattutto ha dimostrato una grande sicurezza».

 

Gli effetti collaterali del vaccino ad oggi risultano gli stessi registrati nella popolazione adulta: «parliamo di rossore nel punto di iniezione, in alcuni casi dolore e un po’ di mal di testa, o ancora un po’ di febbre, ma nulla altro di particolarmente rilevante», prosegue Gasperini.

 

Un ulteriore effetto positivo della vaccinazione è la protezione non solo dei piccoli, ma di tutto il nucleo famigliare, «visti anche gli ultimi dati epidemiologici che indicano proprio nella fascia di età più giovane un aumento del rischio di infezione», prosegue Gasperini.

 

Il dott. Gasperini ci ha anticipato anche che il vaccino è sicuro e indicato sia per i bambini con sclerosi multipla che assumono trattamenti per la SM, sia per chi non li assume.

 

Per maggiori dettagli su questo e altri temi, verranno a breve aggiornate le Raccomandazioni Covid-19 di AISM e SIN, che sono state costantemente aggiornate dall’inizio della pandemia con consigli e informazioni fondamentali per gestire la sclerosi multipla.

 

Per domande e dubbi su questo ed altri argomenti contatta il Numero Verde AISM.

Seguici sui social

  • Facebook
  • Twitter
  • Canale Youtube
  • Instagram