-A +A
AISM

La nostra storia

Da 50 anni la SM non ci ferma

Tutto cominciò nel 1980 quando un certo signor Bin, residente a Desenzano e proveniente da Milano, amico di famiglia delle sorelle Natalina e Anna Catina Zanardini (quest’ultima malata di SM), suggerì di contattare qualche ammalato di SM per formare una sezione AISM a Brescia.

Le sorelle Zanardini coinvolsero la famiglia Monastero, Giulio e la moglie Linda, ammalata di SM, amici di vecchia data. Dopo aver conosciuto qualche ammalato in ricoveri presso ospedali della regione come il Policlinico di Milano e l’ospedale di Gallarate, ci ritrovammo per la prima volta in un locale a Desenzano: eravamo in 8 malati con i propri familiari e li decidemmo di gettare le prime basi per formare la sezione AISM di Brescia.

Questo primo nucleo di persone si propone di contattare i malati di SM della zona per creare una sezione dell'AISM.

 

1980

1981

 

In casa del sig. Monastero avviene la prima votazione per formalizzare il primo comitato di segreteria, e nello stesso anno viene organizzato un incontro nel Chiostro dei Padri Carmelitani in castello a Brescia, coinvolgendo quattro ragazze universitarie e due studenti americani che si trovavano in Italia per uno stage.

I primi contatti tra malati avvenivano presso l'Ospedale di Gallarate dove i pazienti venivano trattati nel reparto di Neurologia, specifico per la SM.

Monastero entra in contatto con Giuseppe Micheli di Brescia.

Primi incontri tra il gruppo fondatore e i malati e relativi familiari interessati all'Associazione.

 

1981-1982

1982-1983

 

Elezione del primo presidente dell'AISM bresciana nella persona di Gianluigi Colleoni, marito di una paziente. Sono membri del Direttivo: Natalina e Anna Catina Zanardini, Giulio e Linda Monastero che iniziano ad organizzare feste e manifestazioni per sensibilizzare e aggregare i pazienti, i loro familiari ed altri volontari.

Il luogo degli incontri era a rotazione nelle case dei soci, non esistendo ancora una sede.

Successivamente il luogo degli incontri viene trovato a Gussago presso Villa Pace.

Il Presidente Colleoni prende contatti con l'Ospedali Civile di Brescia perchè possa nascere un ambulatorio specifico per gli ammalati di SM per evitare lunghi viaggi e trasferimenti dei familiari che assistono i loro cari affetti dalla malattia in altre città.
Inizia un'intesa per sviluppare un servizio specifico per i malati di SM presso la II Neurologia degli Spedali Civili di Brescia con il Dr. Ruggero Capra.

Prima Assemblea con circa 50 soci e definizione della prima sede dell'Associazione a Gussago presso Villa Pace.

 

1984

1985-1986

 

Il socio Mario Sandrini viene incaricato dal Direttivo di istituire il Gruppo Volontari nella zona sud di Brescia e precisamente a Calvisano, per sensibilizzare e pubblicizzare l'attività dell'Aism nelle zone limitrofe.

Iniziano a grande ritmo gli incontri con le persone con SM della provincia, organizzando varie feste conviviali nei differenti comuni limitrofi, come a Quinzano, Calvisano, Carpenendolo, Montichiari, Leno, Castelletto di Leno. Gita sul lago di Garda nel comune di Maderno.

In contemporanea si susseguivano varie manifestazioni negli stessi comuni come feste di piazza., commedie, giochi sempre all’insegna della sezione AISM di Brescia.

La sezione AISM di Brescia conquista sempre più fiducia e prestigio a livello delle politiche sociali e i contatti con l’amministrazione degli Spedali Civili di Brescia continuano fino a costituire il primo ambulatorio specifico per la SM, collegato con il centro regionale per la Sclerosi Multipla, che l’AISM nazionale aveva creato a Milano.

L’ospedale Poliambulanza offre la propria disponibilità per effettuare la risonanza multipla, diretta dal prof. Orlandini, senza bisogno di prescrizione medica.

 

1990

1991

 

La dott.ssa e Premio Nobel, Rita Levi Montalcini inaugura a Gussago presso la "Fondazione Maugeri" il reparto di riabilitazione per malati di Sclerosi multipla.

Rita Levi Montalcini

Nasce il Gruppo Giovani che si ritrova presso la parrocchia di Sant’Angela Merici, con frequenza mensile.

 

1993

1994

 

Il programma televisivo nazionale “Trenta ore per la vita” dà una significativa svolta allo sviluppo alla sezione, consentendo di presentare il progetto della nuova sede prevista in via Strada Antica Mantovana.

Volontari durante una manifestazione

La sede AISM, che dal 1998 al 2001 era situata in via Raffaello Sanzio, si trasferisce in via Strada Antica Mantovana, sempre a Brescia.

La posa della Prima Pietra

La posa della prima pietra. In questa fotografia si riconoscono i 'vecchi' e attuali politici Bresciani
In questa fotografia si riconoscono i politici Bresciani, da Corsini all'attuale Sindaco di Brescia Del Bono.

I soci della Sezione
I soci della nostra sezione

La posa della prima pietra
La prima pietra

La sede della sezione in costruzione
La sede della sezione in costruzione

Sede Oggi
La sede com'è oggi

 

2001

I presidenti

 

L’AISM è cresciuta e si è sviluppata nel tempo in attenzione, disponibilità e capacità di sostegno verso i soci e pazienti grazie al lavoro di coordinamento dei diversi presidenti che si sono succeduti negli anni e, in particolar modo, ai consiglieri, ai soci e volontari che hanno reso possibile, l’azione di supporto della sezione.

• 1982-1998 Gianluigi Colleoni
• 1998-2001 Giuseppe Iemma
• 2001-2006 Giuseppe Micheli
•  2006-2007 Eligio Spinoni
• 2007-2009 Vincenzo Duina
• 2009-2010 Francesco Pea
• 2010-2011 Gianluigi Colleoni (commissario)
• 2011-2012 Gianluigi Colleoni
• 2012-2015 Manuela Bertolino
• 2015-2018 Damiano Falchetti