AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

AISM Sito Nazionale AISM > Sezione Provinciale AISM Modena

News dalla Sezione

 

Carissimi,

per opportuna conoscenza e condivisione vi segnaliamo che sul sito AISM è stata appena pubblicata la news sul “DL RILANCIO” che contiene un primo commento alle misure che possono interessare le persone con SM, con disabilità e loro famiglie, rimandando poi ad ulteriori aggiornamenti e approfondimenti nei prossimi giorni quando il testo del decreto verrà ufficialmente reso pubblico. Le indicazioni che seguono pertanto si basano sull’ultimo testo disponibile.

Qui di seguito il link: https://www.aism.it/decreto_legge_rilancio_e_le_misure_favore_delle_persone_con_disabilita

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

INDAGINE FASE 2

Vi informo che è terminata ieri l'indagine SM e COVID avviata a Marzo scorso che è stata molto importante per le attività correnti di rappresentanza e affermazione dei diritti che AISM sta portando avanti.

I risultati della prima indagine saranno pubblicati nell'Anteprima del Barometro 2020 in occasione della Settimana Nazionale a fine maggio.

Grazie a tutti voi perché sono state oltre 5000 le persone che hanno risposto al questionario.

 

Contestualmente è partita una seconda rilevazione di FASE 2, per continuare a monitorare la situazione delle persone con SM e i cambiamenti derivanti dalla nuova FASE 2.

L'Indagine di FASE 2 rileva i cambiamenti eventualmente intercorsi rispetto alla FASE 1, in parte ricalcando delle domande già presenti, in parte con domande nuove.

Potranno rispondere all'indagine Fase 2 sia coloro che hanno compilato on line il questionario relativo alla Fase 1 (e se avevano lasciato la mail riceveranno un invito personale) sia coloro che non lo hanno fatto.

 

Ecco il link per accedere all'indagine Fase 2

https://it.surveymonkey.com/r/aism_covid_fase2

 

Per questo vi chiediamo di usare 10 minuti del vostro tempo per rispondere al questionario.

Se ognuno di noi farà la sua parte, anche nel dire cosa sta vivendo, disporremo di informazioni essenziali per dare forza alle azioni di advocacy della nostra Associazione.

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

AISM a casa con te!

La nostra fisioterapista Giulia vi propone alcuni esercizi - con livello di difficoltà "alto" - da fare a casa, da soli o con i vostri famigliari. Si comincia in piedi, con un letto o una sedia dietro di voi. Ora seguite attentamente le indicazioni di Giulia.

VIDEO al link: https://www.facebook.com/131337946879912/posts/3333508139996194/

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

AGGIORNAMENTO "BUONI SPESA" COMUNE DI MODENA

Importante aggiornamento per quanto riguarda i "buoni spesa" di solidarietà alimentare.

Le domande potranno essere presentate dalle ore 15 di lunedì 6 aprile, fino al 15 aprile, ma i primi buoni spesa saranno disponibili già nel giro di alcuni giorni.

Per il Comune si tratta di quasi un milione (983 mila e 770 euro) e l'ammontare dei buoni spesa destinati alle famiglie in difficoltà economica, prima di tutto a quelle che non hanno in questo momento altre forme di sostegno (contributi comunali, reddito di cittadinanza o altro), è di 150 euro per una persona, fino a un massimo di 500 euro quando il nucleo familiare è composto da cinque o più componenti.
Nel caso di una famiglia di due persone il contributo è di 250 euro, con tre persone 350 euro, quattro persone 400 euro.

La domanda si può compilare direttamente on line sul sito del Comune (www.comune.modena.it/buonispesa), ma sarà possibile rivolgersi ai Servizi sociali per una consulenza o per individuare altre modalità di compilazione: 059-2031919, da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 13, al lunedì e al giovedì anche dalle 14.30 alle 18.

Abbiamo attivato procedure rapide e semplificate, ma garantendo percorsi trasparenti e controllati, per raggiungere con questo aiuto economico coloro che in questa fase hanno un bisogno immediato. La collaborazione con volontariato e associazionismo è importante perché si tratta di un supporto prezioso al loro intervento diretto, già sotto pressione in queste settimane, ma rappresenta anche un aiuto per raggiungere chi è in situazione di bisogno e accompagnarlo nel percorso di accesso ai buoni spesa.

Il buono spesa è unico, relativo al mese di aprile, ma potrà essere rinnovato se ce ne sarà l’esigenza e se saranno disponibili le risorse.

link: https://www.facebook.com/647691558631437/posts/3030773970323172/?d=n

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

AISM a casa con te!

Muoviamoci insieme!
Esercizi per il tuo benessere: partiamo da un livello difficoltà basso. I nostri fisioterapisti Andrea e Alessio ci mostrano esercizi che si possono svolgere sdraiati, seduti a bordo letto, su una sedia o sulla propria carrozzina.
Esegui le attività seguendo con attenzione le istruzioni dei terapisti e, quando possibile, con la supervisione di un caregiver.

 

VIDEO al link: https://www.facebook.com/131337946879912/posts/3317050214975320/

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

AISM a casa con te!


In questo secondo video, la nostra logopedista Sara ci mostra alcuni esercizi utili per mantenere l'articolazione del linguaggio e la deglutizione.

Iniziamo con gli esercizi del distretto bucco-linguo-facciale, quindi passiamo in rassegna l'alimentazione e la postura di compenso.

Quali alimenti evitare? Quelli a doppia consistenza (es. minestrina con pastina), la frutta secca, alimenti che si sbriciolano facilmente e legumi interi. Attenzione a riso, orzo, cous cous e alle caramelle/confetti, alcolici, caffè.

Fate riferimento a quanto vi ha suggerito il vostro logopedista.

E' importante mantenere una corretta postura da seduti, sia durante il pasto sia almeno per una buona mezz'ora dopo che il pasto è terminato e non dimenticare la consueta igiene orale.

 

VIDEO al link: https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3314644288549246&id=131337946879912

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

AISM a casa con te!


In questo primo video, la nostra terapista occupazionale Agnese ci mostra alcuni esercizi per compiere il passaggio da "sdraiato a letto" a "seduto sul letto".
Primo atto indispensabile per dare inizio alla giornata, che spesso comporta alcune difficoltà. Ecco qualche trucco per riuscire a semplificarlo.

 

VIDEO al link: https://www.facebook.com/131337946879912/posts/3308753842471624/

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

SPOSTAMENTI NEL COMUNE

  • Spostamenti caregiver che devono assistere familiare in altro Comune e divieto a spostarsi. L'attuale normativa emanata per la gestione dell'emergenza (i vari Decreti Legge del Governo e la comunicazione Del Ministero dell'interno  del 23/3) prevedono che ci si può spostare solo per comprovate esigenze di lavoro, assolute urgenze, situazioni di necessità, motivi di salute. Abbiamo potuto appurare da comunicazioni sui siti dei Comuni e prefetture e dalle note ministeriali (quella succitata del 23/3 del Ministero dell'Interno), nonché dalle faq sul sito del governo (che risultano molto utili anche per i vari quesiti http://www.governo.it/it/faq-iorestoacasa) che ci si possa spostare per assistere familiari o amici disabili e che necessitano di assistenza, rientrando nelle fattispecie di situazioni di necessità (stesso Comune) equiparabili motivi di assoluta urgenza e/o di salute (Comune diverso).  Risulta consigliabile allegare una certificazione del curante della persona da assistere che ne dichiari il bisogno di assistenza e che non vi sono persone e/o modalità alternative per provvedere al bisogno della persona. In ogni caso risulta altresì opportuno verificare anche in loco, presso gli organi di polizia locale/forze dell'ordine di zona, prefettura, se accettano questa modalità, potendo variare le interpretazioni e applicazioni operative delle norme.

 

RIENTRI DALL'ESTERO

  • Rientro dall'estero. Ci risulta dal sito del Ministero degli Esteri  (https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html) che, a seguito delle ultime disposizioni normative, siano stati sbloccati i rientri dei connazionali all'estero. Tuttavia la persona in altro Paese deve: compilare un modulo che deve essergli fornito dal vettore del viaggio dove indicare il motivo del rientro  "assoluta urgenza" (connazionale che rientra) , lavoro, ecc. e la residenza o domicilio (anche diverso dalla residenza) dove passerà la quarantena; dovrà poi raggiungere detto luogo con mezzo proprio privato e rimanervi per la quarantena senza uscire, così come i suoi conviventi; infine comunicare al medico di famiglia la sua condizione, per la procedura di comunicazione che deve fare il curante secondo le normative vigenti.

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Per ulteriori informazioni su consegna farmaci e spesa su altri Comuni non presenti nell’elenco di cui sopra potete contattare la sede della sezione AISM di Modena ai numeri 059.393093 e/o 393.6125933 e chiedere di Barbara

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Carissimi,

in questo particolare momento, vista la momentanea sospensione delle attività presso la sede e/o presso le palestre, vi segnalo quanto segue:

 

  • per quanto riguarda il servizio di supporto psicologico la sezione AISM di Modena mette a disposizione delle persone con Sclerosi Multipla e dei loro famigliari, uno sportello psicologico a distanza con i nostri due psicologhi AISM – Dott.ssa Giulia Dallari e Dott. Matteo Palmieri. Per accedere al servizio è necessario contattare Barbara presso la sezione provinciale AISM di Modena dal lunedì al venerdì ad uno dei seguenti recapiti 059.393093 oppure 393.6125933 (orario 9.00-19.00).

 

  • per quanto riguarda la sospensione del servizio AFA vi segnalo un video dedicato allo stretching prodotto da AISM che fornisce indicazioni per poter svolgere tale attività in autonomia direttamente da casa. Siamo consapevoli che lo stretching non è AFA ma certamente risulta una attività di benessere motoria particolarmente indicata per le persone con SM.

 

Il video è visionabile al seguente link sul sito di AISM: https://www.aism.it/%E2%80%9Cstretching_e_sclerosi_multipla%E2%80%9D_video_lezioni_dvd

 

Ricordando a tutti che anche in questo particolare momento la sezione provinciale AISM di Modena è aperta, vi invio i miei più cari saluti.

 

La Presidente

Dott.ssa Ivonne Pavignani

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

MODALITA' PARTICOLARI PER RITIRO DEI PACCHETTI-TERAPIA PER PAZIENTI CRONICI

 

Informiamo che il dipartimento farmaceutico ha individuato modalità particolari per il ritiro dei pacchetti-terapia per pazienti cronici per evitare gli assembramenti in sala d’attesa.

Nell’allegato qui sotto trovate la descrizione di tali modalità.

link:  http://www.ausl.mo.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/33534


 

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Invito e Programma dell'evento 

"LA QUESTIONE DEL DOPING NEGLI SPORT PER DISABILI TRA SORVEGLIANZA, PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE"

GIOVEDI' 11 LUGLIO 2019

 

 

La partecipazione all'evento è gratuita e sarà garantita fino ad esaurimento posti disponibili (90).

 

Per motivi organizzativi è obbligatoria l'iscrizione mediante invio di una e-mail, entro il 30 giugno, al seguente indirizzo: roberta.dalisera@gmail.com

 

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

13-14 e 15 giugno 2019

Forum Monzani Modena

 

AISM Sezione Provinciale di Modena alla prima edizione del Festival della giustizia penale organizzato da Italy Innocence Project e Camera Penale di Modena Carl'Alberto Perroux

 

 

 

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Segnaliamo questi due importanti link:

 

https://www.aism.it/presidente_aism_grazie_tutti_riabilitazione_difendiundiritto

 

https://www.aism.it/riabilitazione_positivo_l%E2%80%99incontro_al_ministero

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

 

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Segnaliamo questa importante notizia.

Sclerosi multipla, un supporto high-tech per attività fisica

http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/postit/Sclerosi_multipla/2018/03/14/sclerosi-multipla-un-supporto-high-tech-per-attivita-fisica_402f74b7-e1d3-49f5-a654-87554fe88ef2.html

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Segnaliamo sul nostro sito nazionale la notizia su fondo non autosufficienza:

https://www.aism.it/index.aspx?codpage=2018_diritti_fondo_non_autosufficienze&utm_source=newsletteraism&utm_medium=email&utm_campaign=febbraio-2018-AISM-All

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Segnaliamo sul nostro sito nazionale la notizia sul nuovo reddito di inclusione:

https://www.aism.it/index.aspx?codpage=2017_12_diritti_reddito_inclusione

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

 

----------------------------------------------------------------------------

FEDERFARMA: SERVIZIO GRATUITO DI CONSEGNA A DOMICILIO DEI FARMACI

Fonte www.superabile.it. e www.federfarma.it - Si chiama “In farmacia la salute è di casa” e si tratta del servizio di consegna a domicilio, in tutta Italia, dei farmaci per casi non urgenti riservato esclusivamente alle persone che sono impossibilitate a recarsi in Farmacia, per disabilità o gravi malattie, e non possono delegare altri soggetti.

Il servizio è gratuito ed è organizzato da Federfarma, l’Associazione che raggruppa i proprietari di Farmacie private, con il patrocinio del Ministero della Salute.

Per le richieste si può chiamare il Numero Verde 800 189 521, attivo nei giorni feriali, dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18.00. Un servizio importante e di valido aiuto per tutte quelle persone che, a causa di malattie gravi o disabilità, sono impossibilitate a recarsi in Farmacia e non possono nemmeno delegare nessuno. Si tratta della consegna a domicilio di farmaci, attiva in tutta Italia.

Il Servizio è gratuito, è organizzato da Federfarma, l’Associazione dei proprietari di Farmacie private e coinvolge solo le Farmacie aderenti a questa Associazione, che abbiano aderito all’iniziativa.

Come attivare il servizio

Per richiedere il Servizio bisogna chiamare il Numero Verde 800 189 521, attivo nei giorni feriali, dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18.00. Risponderà un operatore che verificherà quali Farmacie vicine al domicilio interessato sono disponibili ad effettuare il servizio. Qualora ce ne siano, l’operatore metterà in contatto telefonico il richiedente con la Farmacia più vicina al suo domicilio. Sarà la Farmacia stessa poi a concordare con il cittadino le modalità e i tempi di consegna del farmaco richiesto.

Infatti il servizio non riguarda le urgenze: i tempi di consegna possono essere di 2 o 3 giorni ma anche di più (se i farmaci richiesti non sono subito disponibili). Il Servizio è completamente gratuito, nulla è dovuto per la consegna, e può riguardare sia i farmaci che non richiedono la ricetta del Medico sia quelli per io quali è necessaria la ricetta.

Al Servizio non partecipano le farmacie comunali. Al momento il servizio non è attivo nelle Province di Cuneo e Genova.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito Federfarma a questo link

----------------------------------------------------------------------------

VACANZE AISM:

APPARTAMENTI ISCHIA 

Appartamento situati all’Isola d’Ischia, Comune di Forio d’Ischia, Località Cuotto ( contrata Cimmentorosso)

L’appartamento dista circa 4 chilometri dalla splendida spiaggia di Citara ( Giardini Poseidon)

Accessibile alle persone in carrozzina 

Due alloggi, uno a piano terra ed uno al primo piano 

piano terra: 6 POSTI LETTO in cinque vani così composti:

-  Ingresso/soggiorno con divano letto

-  Cucina completamente attrezzata

-  Due camere matrimoniali

-  Bagno attrezzato

-  Giardino

-  posto auto

 

secondo piano: 6 POSTI LETTO in sei vani così composti:

-  Ingresso

-  Soggiorno con divano letto

-  Cucina completamente attrezzata

-  Due camere matrimoniali

-  Bagno attrezzato

-  Veranda

-  Terrazzo

-  posto auto

N.B. La strada di accesso alla casa è di ridotte dimensioni, si consiglia una macchina piccola.

NOTA BENE:  Tutti gli appartamenti sono attrezzati con elettrodomestici e stoviglieria, non è compresa la biancheria.

 

APPARTAMENTI AURONZO DI CADORE

CASA LETIZIA – AURONZO DI CADORE (BELLUNO)

Casa Letizia, situata in Via Piave, 13 – Auronzo di Cadore (BL) è costituita da 8 appartamenti che possono ospitare da un minimo di 2 persone ad un massimo di 7 persone.

Casa Letizia dista circa 1 km dal centro del paese.

Le unità abitative, collegate tra loro da un ascensore,  sono tutte  accessibili e dotate di riscaldamento, televisione, frigorifero, forno elettrico, posate, bicchieri e attrezzatura da cucina.

Nel bagno, la doccia è dotata di un seggiolino a muro.

 

APPARTAMENTI A PORRETTA TERME

VILLA MATTEUCCI – PORRETTA TERME (BOLOGNA)

Villa Matteucci, situata in Via Buini, 1 - Porretta Terme (Bo), è una palazzina di 3 piani, dotata di ascensore, suddivisa in 6 appartamenti, tutti accessibili.

La struttura dista circa 400 m. dal centro del paese.

Gli appartamenti sono  a 2 -  3 posti letto e sono costituiti da camera da letto, bagno, cucina attrezzata.

Tutti gli appartamenti sono dotati di posate e attrezzatura da cucina, forno elettrico, frigorifero, climatizzatore, televisione, citofono.

 

Per informazioni,  prezzi  e prenotazioni  contattare Casa Vacanze I Girasoli al numero telefonico 0575-819020.

 

LASTE:

----------------------------------------------------------------------------

vi segnaliamo questo libro:

http://www.repubblica.it/salute/2017/04/27/news/_io_e_lei_sclerosi_multipla-163924380/

 

----------------------------------------------------------------------------

Alla Casa per ferie di Pinarella fin dal 1985 si organizzano soggiorni estivi tutelati, rivolti ad anziani e disabili adulti, residenti a Modena, che da sempre hanno coinvolto diverse associazioni radicate sul territorio cittadino, dai Comitati Anziani ed Orti, alle Associazioni che operano a favore dei disabili adulti, creando con l’apporto fondamentale del volontariato, un’importante rete di conoscenza e sostegno. I soggiorni hanno visto ogni anno la partecipazione di circa 900 anziani e 50 disabili, e sono inseriti nel programma del Piano Distrettuale per la Salute e il Benessere Sociale.

 

Affinché le persone con Sclerosi Multipla possano fare richiesta per il soggiorno ed accedere alle iscrizioni, è necessario che A.I.S.M. stipuli apposita convenzione con il Comune di  Modena, per i soggiorni a Pinarella di Cervia, che  richiede tempi stretti.

 

Chiediamo quindi ai soci, eventualmente interessati a questo tipo di soggiorno, di dare informazione del loro interesse alla sezione A.I.S.M. di Modena chiamando telefonicamente il numero 059/39.30.93 entro il 15 aprile 2017.

 

Alleghiamo la locandina dei soggiorni dell’estate 2016, in attesa che sia pubblicata la locandina per l'anno 2017.

 

 

 

--------------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------------

 

 

 

 

 

 

----------------------------------------------------------------------------------

 

In vigore il nuovo  Piano Viabilità e Sosta con parcheggi riservati alle categorie più fragili, nuova viabilità e percorsi di accoglienza rimodulati

E' in vigore Il nuovo Piano Viabilità e Sosta. Questa realizzazione fa parte di Policlinico 2020,  un progetto che racchiude le grandi trasformazioni che miglioreranno il comfort, l’accesso e l’accoglienza al Policlinico di Modena nei prossimi quattro anni. Ciò nell’ottica di un ospedale sempre più orientato alla persona grazie a investimenti destinati agli interventi edilizi sul monoblocco e alla costruzione della palazzina destinata al Materno-Infantile.

In particolare il nuovo Piano Viabilità e Sosta intende rispondere in modo qualificato alle esigenze delle diverse persone che accedono all’ospedale per curarsi, per lavorare o per prestare assistenza. L'obiettivo primario è agevolare l’accesso ai luoghi di cura di chi ne ha bisogno. Un altro obiettivo è quello di ridurre progressivamente il traffico interno e di favorire l’accesso all’ospedale tramite mezzi alternativi all’automobile.

Collegandovi a questo indirizzo, potrete  comprendere tutte le novità e approfondire il tema http://www.policlinico.mo.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1409

Per diffondere i messaggi del nuovo Piano, orientare e semplificare gli accessi al Policlinico e alle diverse strutture sanitarie sono stati realizzati  2 strumenti:

1.       un  video tutorialPoliclinico 2020. L’accesso, la viabilità, la sosta, l’accoglienza”  disponibile sul canale internet youtube  https://youtu.be/v09Bc-AQ3mE  che illustra in modo semplice:

-          il nuovo sistema di accesso all’area ospedaliera e gli ingressi principali 

-          i parcheggi interni , esterni e i permessi speciali

-          i servizi deputati all’informazione e all’accoglienza. 

2.        una mappa (allegata qui sotto), che raccoglie le informazioni più utili per muoversi agevolmente nella “cittadella “Policlinico .  

 

 

 

 

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Jobs Act: ora le persone con SM possono chiedere il part-time

 

Estratto del decreto legislativo n. 81 del 15.6.2015

 

 

 

Art.6.

 

Lavoro supplementare, lavoro straordinario, clausole elastiche.

 

1. Nel rispetto di quanto previsto dai contratti collettivi, il datore di lavoro ha la facoltà di richiedere, entro i limiti dell’orario normale di lavoro di cui all’articolo 3 del decreto legislativo n. 66 del 2003, lo svolgimento di prestazioni supplementari, intendendosi per tali quelle svolte oltre l’orario concordato fra le parti ai sensi dell’articolo 5, comma 2, anche in relazione alle giornate, alle settimane o ai mesi.

 

2. Nel caso in cui il contratto collettivo applicato al rapporto di lavoro non disciplini il lavoro supplementare, il datore di lavoro può richiedere al lavoratore lo svolgimento di prestazioni di lavoro supplementare in misura non superiore al 25 per cento delle ore di lavoro settimanali concordate. In tale ipotesi, il lavoratore può rifiutare lo svolgimento del lavoro supplementare ove giustificato da comprovate esigenze lavorative, di salute, familiari o di formazione professionale. Il lavoro supplementare è retribuito con una maggiorazione del 15 per cento della retribuzione oraria globale di fatto, comprensiva dell’incidenza della retribuzione delle ore supplementari sugli istituti retributivi indiretti e differiti.

 

3. Nel rapporto di lavoro a tempo parziale è consentito lo svolgimento di prestazioni di lavoro straordinario, così come definito dall’articolo 1, comma 2, lettera c) , del decreto legislativo n. 66 del 2003.

 

4. Nel rispetto di quanto previsto dai contratti collettivi, le parti del contratto di lavoro a tempo parziale possono pattuire, per iscritto, clausole elastiche relative alla variazione della collocazione temporale della prestazione lavorativa ovvero relative alla variazione in aumento della sua durata.

 

5. Nei casi di cui al comma 4, il prestatore di lavoro ha diritto a un preavviso di due giorni lavorativi, fatte salve le diverse intese tra le parti, nonché a specifiche compensazioni, nella misura ovvero nelle forme determinate dai contratti collettivi.

 

6. Nel caso in cui il contratto collettivo applicato al rapporto non disciplini le clausole elastiche queste possono essere pattuite per iscritto dalle parti avanti alle commissioni di certifi cazione, con facoltà del lavoratore di farsi assistere da un rappresentante dell’associazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato o da un avvocato o da un consulente del lavoro. Le clausole elastiche prevedono, a pena di nullità, le condizioni e le modalità con le quali il datore di lavoro, con preavviso di due giorni lavorativi, può modificare la collocazione temporale della prestazione e variarne in aumento la durata, nonché la misura massima dell’aumento, che non può eccedere il limite del 25 per cento della normale prestazione annua a tempo parziale. Le modifiche dell’orario di cui al secondo periodo comportano il diritto del lavoratore ad una maggiorazione del 15 per cento della retribuzione oraria globale di fatto, comprensiva dell’incidenza della retribuzione sugli istituti retributivi indiretti e differiti.

 

7. Al lavoratore che si trova nelle condizioni di cui all’articolo 8, commi da 3 a 5, ovvero in quelle di cui all’articolo 10, primo comma, della legge 20 maggio 1970, n. 300, è riconosciuta la facoltà di revocare il consenso prestato alla clausola elastica.

8. Il rifiuto del lavoratore di concordare variazioni dell’orario di lavoro non costituisce giustifi cato motivo di licenziamento.

 

Art. 7.

 

Trattamento del lavoratore a tempo parziale

 

1. Il lavoratore a tempo parziale non deve ricevere un trattamento meno favorevole rispetto al lavoratore a tempo pieno di pari inquadramento.

 

2. Il lavoratore a tempo parziale ha i medesimi diritti di un lavoratore a tempo pieno comparabile ed il suo trattamento economico e normativo è riproporzionato in ragione della ridotta entità della prestazione lavorativa. I contratti collettivi possono modulare la durata del periodo di prova, del periodo di preavviso in caso di licenziamento o dimissioni e quella del periodo di conservazione del posto di lavoro in caso di malattia ed infortunio in relazione all’articolazione dell’orario di lavoro.

 

Art. 8.

 

Trasformazione del rapporto

 

1. Il rifiuto del lavoratore di trasformare il proprio rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale, o viceversa, non costituisce giustificato motivo di licenziamento.

 

2. Su accordo delle parti risultante da atto scritto è ammessa la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale.

 

3. I lavoratori del settore pubblico e del settore privato affetti da patologie oncologiche nonché da gravi patologie cronico-degenerative ingravescenti, per i quali residui una ridotta capacità lavorativa, eventualmente anche a causa degli effetti invalidanti di terapie salvavita, accertata da una commissione medica istituita presso l’azienda unità sanitaria locale territorialmente competente, hanno diritto alla trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in lavoro a tempo parziale. A richiesta del lavoratore il rapporto di lavoro a tempo parziale è trasformato nuovamente in rapporto di lavoro a tempo pieno.

 

4. In caso di patologie oncologiche o gravi patologie cronico-degenerative ingravescenti riguardanti il coniuge, i figli o i genitori del lavoratore o della lavoratrice, nonché nel caso in cui il lavoratore o la lavoratrice assista una persona convivente con totale e permanente inabilità lavorativa con connotazione di gravità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, che abbia necessità di assistenza continua in quanto non in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, è riconosciuta la priorità nella trasformazione del contratto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale.

 

5. In caso di richiesta del lavoratore o della lavoratrice, con figlio convivente di età non superiore a tredici anni o con figlio convivente portatore di handicap ai sensi dell’articolo 3 della legge n. 104 del 1992, è riconosciuta la priorità nella trasformazione del contratto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale.

 

6. Il lavoratore il cui rapporto sia trasformato da tempo pieno in tempo parziale ha diritto di precedenza nelle assunzioni con contratto a tempo pieno per l’espletamento delle stesse mansioni o di mansioni di pari livello e categoria legale rispetto a quelle oggetto del rapporto di lavoro a tempo parziale.

 

7. Il lavoratore può chiedere, per una sola volta, in luogo del congedo parentale od entro i limiti del congedo ancora spettante ai sensi del Capo V del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale, purché con una riduzione d’orario non superiore al 50 per cento. Il datore di lavoro è tenuto a dar corso alla trasformazione entro quindici giorni dalla richiesta.

 

8. In caso di assunzione di personale a tempo parziale il datore di lavoro è tenuto a darne tempestiva informazione al personale già dipendente con rapporto a tempo pieno occupato in unità produttive site nello stesso ambito comunale, anche mediante comunicazione scritta in luogo accessibile a tutti nei locali dell’impresa, ed a prendere in considerazione le domande di trasformazione a tempo parziale dei rapporti dei dipendenti a tempo pieno.

 

Art. 9.

 

Criteri di computo dei lavoratori a tempo parziale

 

1. Ai fini della applicazione di qualsiasi disciplina di fonte legale o contrattuale per la quale sia rilevante il computo dei dipendenti del datore di lavoro, i lavoratori a tempo parziale sono computati in proporzione all’orario svolto, rapportato al tempo pieno. A tal fine, l’arrotondamento opera per le frazioni di orario che eccedono la somma degli orari a tempo parziale corrispondente a unità intere di orario a tempo pieno.

 

Art. 10.

 

Sanzioni

 

1. In difetto di prova in ordine alla stipulazione a tempo parziale del contratto di lavoro, su domanda del lavoratore è dichiarata la sussistenza fra le parti di un rapporto di lavoro a tempo pieno, fermo restando, per il periodo antecedente alla data della pronuncia giudiziale, il diritto alla retribuzione ed al versamento dei contributi previdenziali dovuti per le prestazioni effettivamente rese.

 

2. Qualora nel contratto scritto non sia determinata la durata della prestazione lavorativa, su domanda del lavoratore è dichiarata la sussistenza di un rapporto di lavoro a tempo pieno a partire dalla pronuncia. Qualora l’omissione riguardi la sola collocazione temporale dell’orario, il giudice determina le modalità temporali di svolgimento della prestazione lavorativa a tempo parziale, tenendo conto delle responsabilità familiari del lavoratore interessato e della sua necessità di integrazione del reddito mediante lo svolgimento di altra attività lavorativa, nonché delle esigenze del datore di lavoro. Per il periodo antecedente alla pronuncia, il lavoratore ha in entrambi i casi diritto, in aggiunta alla retribuzione dovuta per le prestazioni effettivamente rese, a un’ulteriore somma a titolo di risarcimento del danno.

 

3. Lo svolgimento di prestazioni in esecuzione di clausole elastiche senza il rispetto delle condizioni, delle modalità e dei limiti previsti dalla legge o dai contratti collettivi comporta il diritto del lavoratore, in aggiunta alla retribuzione dovuta, a un’ulteriore somma a titolo di risarcimento del danno.

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------