AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Cerca la notizia

E.g., 04/08/2020
E.g., 04/08/2020
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

La Ricerca sulla SM Un fiore all’occhiello di AISM

21/02/2013

 

 

AISM in 45 anni di attività ha acquisito una sempre maggiore consapevolezza del suo ruolo determinante nella ricerca. La ricerca scientifica, oggi,  risponde a tutte le esigenze delle persone con SM. A partire dalle richieste e dalle necessità delle persone mira a trovare da un  lato trattamenti personalizzati,  e dall’altro trovarne di nuovi per quelle forme di SM che ne sono orfane, come quelle progressive che riguardano, solo in Italia, 25.000 persone. 

 

AISM e la sua Fondazione FISM 

E' il principale ente di riferimento della ricerca sulla SM in Italia.
Si propone di dare risposte a tutte  le persone con SM. In uno scenario di conoscenza della sclerosi multipla che si sta sempre più definendo, agisce perseguendo strategie specifiche:

 

  • indirizzare, promuovere e finanziare la ricerca d’eccellenza, fondamentale e applicata al fine di identificare un trattamento globale della SM e scoprire le cause della progressione della malattia e quindi una cura risolutiva;
  • migliorare la qualità di vita delle persone con SM individuando in maniera univoca i sintomi, rallentando la progressione della disabilità e sviluppando un approccio globale alla gestione della malattia;
  • promuovere un’organizzazione della ricerca interdisciplinare e multicentrica, volta a valorizzare le diverse competenze nell’ambito delle attività di ricerca;
  • promuovere politiche improntate alla gestione efficiente ed efficace delle risorse e alla piena collaborazione tra ricercatori, anche in ambito internazionale.

 

Seguendo queste direttrici strategiche si conferma il principale ente della ricerca sulla SM in Italia e uno dei principali enti finanziatori mondiali,  collocandosi  al terzo posto dopo Stati Uniti, Regno Unito e Canada.

 

Finanzia e indirizza la ricerca scientifica sulla SM.
Negli ultimi 22 anni
AISM ha investito 35 milioni di euro nella ricerca scientifica. L’Associazione, attraverso la sua Fondazione, FISM, promuove e sostiene la ricerca innovativa di base e applicata sulla sclerosi multipla, finalizzata al miglioramento della qualità della vita e delle terapie e, nel lungo termine, all’individuazione di una cura risolutiva.

 

Bando FISM 2013: Diamo una risposta alle persone con SM
Anche per il 2013 sono stati riconfermati 3 milioni di euro da destinare alla ricerca per dare risposte alle persone con sclerosi multipla per una migliore qualità di vita oggi e per la ricerca della causa e quindi di una cura risolutiva, domani.

 

Il regolamento e i moduli per la richiesta di finanziamento  e ulteriori informazioni sono reperibili sul www.aism.it.  La scadenza del Bando è il 25 aprile 2013. 

 

Le principali aree d’intervento della Ricerca sulla SM.
Le attività di ricerca AISM hanno incluso aree di intervento prioritarie quali l’indagine sulle cause della malattia; l’individuazione di terapie personalizzate (grazie per esempio allo sviluppo di nuovi metodi diagnostici e terapeutici, resi sempre più efficaci e in grado di individuare la patologie precocemente); ricerca della cura delle forme progressive con la collaborazione delle maggiori associazioni di persone con SM mondiali, coinvolte in un progetto a respiro internazionale.

 

I Ricercatori di eccellenza di AISM.
Ad oggi sono stati finanziati complessivamente 295 ricercatori sulla SM dando vita ad una vera e propria scuola, ormai consolidata a livello internazionale. E il fatto che il 76% dei ricercatori finanziati continui a fare ricerca sulla SM racconta di una forte capacità della ricerca AISM di attrarre, sostenere e accompagnare i migliori ricercatori durante tutta la propria carriera. AISM e la sua Fondazione, pone particolare attenzione a promuovere il percorso scientifico dei ricercatori di talento, mediante borse di studio per l’Italia e per l’estero, finalizzate anche a favorire il rientro dall’estero dei migliori ricercatori.