AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Cerca la notizia

E.g., 04/08/2020
E.g., 04/08/2020
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

La sclerosi multipla

23/02/2015

 

Più di due milioni di persone nel mondo, 700.000 in Europa, 72.000 in Italia hanno la sclerosi multipla, patologia che viene diagnosticata soprattutto quando si è giovani, tra i 20 e i 40 anni, nei momenti più ricchi di progetti e prospettive.

 

La sclerosi multipla è una malattia del sistema nervoso che colpisce non solo la mielina - la guaina che riveste i nervi che, una volta danneggiata dall’attacco della malattia, impedisce che il segnale nervoso passi più correttamente - ma anche la sostanza grigia.

 

Di sclerosi multipla non si muore, è una malattia cronica, che dura tutta la vita e colpisce le donne due volte più degli uomini.

 

Non sono ancora state scoperte cure risolutive e neppure se ne conoscono completamente le cause, così da poterla prevenire. è progressiva e imprevedibile: i suoi effetti variano da persona a persona.

 

Ogni quattro ore, in Italia, una persona riceve una diagnosi di sclerosi multipla.

 

Nel momento della diagnosi vengono identificati tre forme principali di malattia:

• l’85% delle persone ha una forma di malattia definita «a ricadute e remissioni», con attacchi acuti di malattia cui segue una successiva ripresa: presenta sintomi improvvisi che poi con il tempo regrediscono completamente o in parte fino all’attacco successivo;

• il 15% soffre di una forma primariamente progressiva, con sintomi che peggiorano irreversibilmente nel tempo, in forma più o meno lenta oppure aggressiva e repentina;

• 8 persone su 10, tra quelle che iniziano con forma a ricadute e remissioni, con il passare degli anni sviluppano la forma secondariamente progressiva, con un peggioramento costante della disabilità fisica.

 

Tra i sintomi più diffusi si verificano crescenti difficoltà motorie, disturbi visivi, perdita di equilibrio, mancanza di forza, fatica, dolore neuropatico e disturbi della sensibilità, spasticità, disturbi urinari e intestinali, disfunzioni sessuali, disturbi cognitivi, disturbi dell’umore (ansia, depressione).

 

Una tale complessità di forme, sintomi ed evoluzione necessita di percorsi qualificati e personalizzati di cura e assistenza sin dal momento della diagnosi, con un approccio interdisciplinare e risposte integrate socio-sanitarie. Per tutti questi motivi, la sclerosi multipla incide fortemente sulla qualità di vita di chi ne è colpito e di tutti i familiari, parenti, amici, professionisti e volontari che sono coinvolti nella presa in carico.

 

La SM ha un forte costo sociale, diretto e indiretto: spesso, dopo anni dall’esordio, le persone con SM perdono il lavoro. Oppure faticano a trovarlo. Ugualmente diminuiscono anche la produttività e i guadagni dei familiari che si prendono cura di loro e le assistono.

 

Si calcola che ogni anno in Europa si spendano circa 15 miliardi di euro all’anno per curare la SM, mentre oggi in Italia il costo della malattia è di circa 2,7 miliardi di euro, e di 38.000 euro medio per persona. Ma quando una persona raggiunge una disabilità grave il costo sociale annuo supera i 70.000 euro.

 

Oggi abbiamo a disposizione nuovi farmaci che utilizzati nel lungo termine nelle forme a ricadute e remissioni, possono diminuire il numero degli attacchi e la progressione della malattia.

 

Garantire un trattamento precoce adeguato significa che la persona con SM potrà riuscire a non raggiungere più  disabilità gravi.  Per le forme progressive invece non sono stati messi a punto ancora trattamenti efficaci.