AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Home » Lavoro: i contratti collettivi nazionali e la Sclerosi Multipla
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

Lavoro: i contratti collettivi nazionali e la Sclerosi Multipla

 

 

Per comprendere lo stato dell’arte della Contrattazione Collettiva in materia di SM e disabilità l’Associazione ha sviluppato un’indagine sui principali contratti collettivi nazionali censiti presso il CNEL, i cui risultati sono stati parzialmente anticipati nel Barometro della SM 2017 e che con questa pubblicazione si intende oggi mettere a disposizione di tutti i portatori d’interesse con la convinzione che la conoscenza su tale tema possa portare ad una diffusione delle buone pratiche, ma anche ad una emersione dei nodi e delle complessità definitorie e applicative e così facendo a un progressivo miglioramento del livello dei contratti collettivi in materia di sclerosi multipla, gravi patologie, disabilità.

È uno strumento che viene pertanto concepito e messo a disposizione non solo degli addetti ai lavori, ma delle stesse persone con SM, così come del management aziendale e del mondo lavorativo in generale, prima di tutto per dare una rinnovata visibilità alla importante crescita registrata in questi anni della Contrattazione Collettiva su questi temi e favorirne una applicazione sempre più ampia in cui ci si augura possano consolidarsi le buone pratiche e ridursi situazioni di variabilità e difformità riscontrate.

L'indagine "Sclerosi multipla, gravi patologie, disabilità. Analisi della contrattazione collettiva nazionale" è stata presentata nella sua completezza in occasione del convegno organizzato da AISM il 13 dicembre 2017 a Roma come materiale di discussione, dibattito e confronto tra gli stakeholder impegnati per l’effettività del diritto al lavoro per le persone con disabilità e con SM, ma intende rimanere aperto a successivi sviluppi, contributi e commenti che ciascun portatore di interesse vorrà portare, volendo rappresentare un contributo di analisi e di pensiero che possa sostenere il dibattito e i programmi in corso in materia di disabilità e lavoro.
 

Ultimo aggiornamento dicembre 2017