AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Home » Sintomi della sclerosi multipla: disturbi della sensibilità
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

Sintomi della sclerosi multipla: disturbi della sensibilità

Sclerosi multipla sintomi: disturbi sensibilità

 

Con il termine di disturbi della sensibilità nella sclerosi multipla si intendono l’insieme di diverse manifestazioni molto frequenti che possono manifestarsi in una qualsiasi parte del corpo e con qualsiasi tipo di alterazione della sensibilità, nella maggior parte dei casi tendono a regredire e poi ripresentarsi.

 

 

Tra i sintomi molto frequenti della sclerosi multipla ci sono i disturbi sensitivi diversi, che comprendono le parestesie, la diminuzione o la perdita di alcune sensibilità come quella tattile, termica o dolorifica. La persona con sclerosi multipla potrebbe descrivere una sensazione di addormentamento ad una mano o ad un arto.

 

Mentre con il termine "parestesia" si intendono sensazioni anormali e variabili per intensità e qualità, rispetto allo stimolo sensitivo applicato, tra cui vi sono formicolio, solletico, bruciore, sensazione di fasciatura, senza che vi sia appunto un motivo scatenante.

 

Questi disturbi possono contribuire ad alterare la funzionalità delle parti del corpo interessate, e quindi per esempio possono compromettere la stabilità nella camminata, se il problema sensitivo è localizzato ai piedi, mentre se il disturbo è localizzato alle mani la persona potrà avere difficoltà a scrivere, vestirsi o tenere oggetti in modo sicuro.

 

Nella maggior parte dei casi le parestesie non sono invalidanti e regrediscono da sole, alcuni disturbi sensitivi comunque possono determinare delle limitazioni nelle attività quotidiane e lavorative ed avere un impatto sulla percezione dell’identità personale e creare ansi, irritabilità e depressione.

 

Per la diminuzione della sensibilità non esistono dei farmaci sintomatici specifici, se tali disturbi fanno parte di una ricaduta sarà possibile che il neurologo prescriva un ciclo di cortisone per accelerare il loro recupero.

 

In campo riabilitativo potranno essere utili esercizi per la stimolazione della sensibilità profonda mediante tecniche come Perfetti, Air splint, vibrazioni e taping o esercizi che stimolino la propriocettività mediante l’uso di superfici instabili o materiali differenti.

 

Infine è importante ricordare che formicolii ed intorpidimento sono sensazioni molto comuni anche in persone che non hanno la sclerosi multipla, che possono essere espressioni di altre patologie e condizioni (ad esempio una sindrome del tunnel carpale) o anche non essere espressione di patologie.

Ultimo aggiornamento 3 febbraio 2022

 

Nella foto in alto: un'immagine dal reportage Under Pressure - Living with MS in Europe. © 2011, Walter Astrada.

Seguici sui social

  • Facebook
  • Twitter
  • Canale Youtube
  • Instagram