AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Cerca la notizia

E.g., 27/09/2020
E.g., 27/09/2020
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

Il diritto di tutte le persone con disabilità a una vita libera e dignitosa: il Senato accoglie le istanze di AISM e FISH

Nella risoluzione votata all’unanimità dalla Commissione Diritti Umani del Senato, il Governo si impegna a destinare ulteriori risorse per l’inclusione sociale, la rimozione delle barriere, l’inserimento lavorativo, il supporto dei caregiver delle persone con disabilità

11/09/2020

 

Il 9 settembre scorso, in seguito all’esame dell’affare n. 508 sulla tutela dei diritti delle persone con disabilità, la Commissione Diritti Umani del Senato ha approvato all’unanimità una risoluzione che accoglie pienamente le tematiche sollevate da AISM durante l’audizione dello scorso gennaio, unitamente a quelle proposte congiuntamente con FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap).

 

Tra le attività di maggior interesse ed impatto, la risoluzione della Commissione impegna il Governo nel destinare ulteriori risorse nella rimozione di ogni ostacolo alla piena partecipazione di tutti alla vita sociale e politica; ad operare concretamente e celermente, d'intesa con gli enti territoriali, per la rimozione delle barriere architettoniche;  ad adottare iniziative volte a garantire l’inserimento e la piena integrazione delle persone con disabilità nel mondo del lavoro, rafforzando gli strumenti e i sistemi attualmente in vigore, a sostenere le famiglie e i caregiver, semplificando le procedure tecnico-amministrative per il riconoscimento delle disabilità; a provvedere a un ulteriore aggiornamento del Nomenclatore tariffario che tenga conto delle esigenze dei disabili più gravi; a stanziare le risorse necessarie per accrescere gli importi delle pensioni e degli assegni di invalidità; a dare piena e concreta attuazione alla legge sul "Dopo di noi" dotandola di adeguate risorse; a dotare di adeguate risorse finanziarie le Regioni e gli altri enti locali, anche allo scopo assicurare la più ampia omogeneità dei servizi sul territorio e  alla realizzazione della Disability Card, prevedendo l'accesso gratuito - o a costi ridotti - a trasporti e a beni e servizi culturali, operando nel senso che possano valere anche all'estero.

 

«Il diritto a una vita libera in un mondo libero da ogni esclusione dovuta alla disabilità – commenta il Presidente AISM Francesco Vacca – è la radice e il cuore dell’esistenza e dell’azione dell’Associazione: la risoluzione di oggi è importante perché rappresenta un altro tassello per la realizzazione della Carta dei Diritti che le persone con sclerosi multipla hanno fortemente voluto e promuovono dal 2015. Per noi del movimento della sclerosi multipla, poi, è motivo di soddisfazione constatare che vengono accolte nella risoluzione del Senato molte delle istanze sostenute da AISM in un costante confronto con le istituzioni a beneficio dell’intera comunità delle persone con disabilità, perché siamo convinti che ogni diritto, per essere tale, è per tutti e non solo per noi che abbiamo la sclerosi multipla. Insieme siamo tutti più forti, e oggi ne abbiamo la conferma».

 

Carta diritti