AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Cerca la notizia

E.g., 23/09/2020
E.g., 23/09/2020
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

Invalidità civile: nuovi importi e limiti di reddito 2020

L’INPS ha emanato i nuovi importi e i limiti di reddito relativi agli assegni e pensioni dell’invalidità civile per il 2020. Vediamoli.

20/12/2019

 

L’INPS (Istituto Nazionale Previdenza Sociale) con la Circolare n°147 del 11 dicembre scorso ha emanato i nuovi importi delle pensioni e degli assegni per l’invalidità civile per il nuovo anno 2020 ed i rispettivi limiti di reddito richiesti per accedervi.

 

Ecco dunque i nuovi importi e limiti di reddito per assegni e pensioni di invalidità civile per il 2020:

 

Pensione ciechi civili assoluti
Assegno di 310,17 euro e limite di reddito 16.982,49 euro

Pensione ciechi civili assoluti (se ricoverati)
Assegno di 286,81 euro e limite di reddito 16.982,49 euro

Pensione ciechi civili parziali
Assegno di 286,81 euro e limite di reddito 16.982,49 euro
Pensione invalidi civili totali
Assegno di 286,81 euro e limite di reddito 16.982,49 euro
Pensione sordi
Assegno di 286,81 euro e limite di reddito euro 16.982,49 euro
Assegno mensile invalidi civili parziali
Assegno di 286,81 euro e limite di reddito 4.926,35 euro
Indennità mensile frequenza minori
Assegno di 286,81 euro e limite di reddito 4.926,35 euro

Indennità accompagnamento ciechi civili assoluti
Assegno di 930,99 euro e nessun limite di reddito

Indennità accompagnamento invalidi civili totali e minori
Assegno di 520,29 euro e nessun limite di reddito
Indennità comunicazione sordi
Assegno di 258,00 e nessun limite di reddito
Indennità speciale ciechi ventesimisti
Assegno di 212,43 e nessun limite di reddito

Lavoratori con drepanocitosi o talassemia major
Assegno 515,07 e nessun limite di reddito

 

Il limite di reddito da non superare si riferisce al reddito personale annuo lordo della persona titolare dell’assegno. Sono esclusi quelli del coniuge e di altri familiari.

 

Ricordiamo che chi avesse un verbale in scadenza potrà usufruire dell’assegno sino al giorno della visita di revisione, in quanto i benefici collegati a verbali di invalidità e handicap rivedibili sono validi appunto sino al giorno della visita, anche se avviene in data successiva a quella di scadenza del verbale.

 

Al momento non ci risultano aggiornamenti rispetto alla compilazione e invio delle autodichiarazioni annuali: il modello ICRIC per i titolari di indennità di accompagnamento dovrebbe essere facoltativo, in quanto il Ministero della salute comunicherà in automatico le informazioni sui ricoveri avvenuti nel 2019 all’INPS, ma è bene controllare entro Marzo presso un proprio patronato di fiducia. Mentre resta l’obbligo di autodichiarazione dei redditi da parte dei titolari di assegno per invalidità parziale (modello ICLAV) ed è opportuno informarsi preso i patronati sulla data entro cui andrà presentata nel 2020.

 

Infine la circolare INPS riporta anche le variazioni di età anagrafica previste per le pensioni: a partire dal 2020 l’assegno d’invalidità parziale viene tramutato automaticamente in quello sociale al compimento dei 67 anni; mentre si può richiedere il passaggio a pensione di vecchiaia sempre al compimento dei 67 anni e se si raggiungono i requisiti anche contributivi previsti per tale pensione da lavoro. 

 

Iscriviti alla newsletter