-A +A
Home » PDTA (Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale) per la sclerosi multipla
AISM

PDTA (Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale) per la sclerosi multipla

 

 

PDTA significa Percorso diagnostico terapeutico assistenziale. Per chi affronta una malattia, soprattutto cronica, già prima della diagnosi si presentano esigenze e bisogni variabili nel tempo. Per trovare le risposte spesso bisogna riferirsi a moltissimi soggetti come l’Ospedale, il Medico di medicina generale, i servizi sociali, le ASL. In questo contesto, è facile sentirsi disorientati: a chi posso rivolgermi? Cosa posso fare ora? Chi sono le figure di riferimento?

 

Il PDTA nasce proprio con l’obiettivo di delineare il miglior percorso di cura e assistenza per una specifica malattia, seguendo l’evolvere delle esigenze della persona in tutte le sue fasi di vita e di decorso.

 

«Il percorso diagnostico terapeutico assistenziale per le persone con SM [...] non consiste solo in un percorso sanitario, o per lo meno in maniera esclusiva. Per una patologia come la SM è un progetto di vita, e per la società  un investimento per il bene comune, verso la SM ci vuole un approccio globale».
Mario Alberto Battaglia, Presidente FISM.

 

Hai domande o dubbi? Contatta il Numero Verde AISM

 

Il PDTA è strumento, fondamentale per migliorare la presa in carico delle persone con sclerosi multipla, per garantire percorsi integrati e personalizzati di cura, per dare concretezza ai diritti e dignità alle persone. Una corretta presa in carico globale della persona con SM si basa sull’esigenza di integrazione ed interazione tra ospedale e territorio, con la definizione di percorsi specifici che garantiscano continuità della cura, dell’assistenza e della centralità della persona. I Percorsi diagnostico-terapeutico-assistenziali (PDTA), strumenti fondamentali per garantire alle persone con SM una presa in carico socio sanitaria globale e integrata da parte degli enti preposti.

 

Non a caso i PDTA sono al primo punto dell’Agenda della sclerosi multipla 2020, che l’AISM ha lanciato per tradurre in azioni concrete i principi sanciti nella Carta dei diritti

 

La realizzazione del video è stata possibile grazie al contributo incondizionato di Biogen Italia S.r.l.

 

Ultimo aggiornamento dicembre 2019

Iscriviti alla newsletter