-A +A

Cerca la notizia

E.g., 10/12/2019
E.g., 10/12/2019
Home » News
AISM

AISM dalla parte delle donne con sclerosi multpla

31/07/2019

 

A luglio è iniziato il progetto I>DEA – Inclusione >Donne, Empowerment, Autodeterminazione che AISM realizzerà grazie al finanziamento concesso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sul fondo per il finanziamento di progetti e attività di interesse generale nel terzo settore di cui all’art. 72 del decreto legislativo n. 117 / 2017

 

Il progetto avrà una durata di 18 mesi ed è dedicato a tutte le donne con sclerosi multpla che subiscono una doppia discriminazione prima come donne e poi come persone con disabilità.

 

La parità tra uomini e donne in Italia è un obiettivo ancora da raggiungere. Perseguire questa parità è uno tra i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell’agenda 2030.

 

La Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità afferma, nell’art. 6, che le donne e le ragazze con disabilità sono soggette a discriminazioni multiple e il riferimento alla questione di genere è presente anche nel preambolo e negli artt. 3. 8. 16. 28.

 

Essere donne con disabilità, infatti, implica un maggior impegno nel vedere riconosciute le discriminazioni, le molestie e le violenze subite perché spesso la condizione di disabilità oscura il genere. Le donne con disabilità subiscono una doppia discriminazione che ne condiziona pesantemente le opportunità di partecipazione, autodeterminazione e scelta in vari ambiti della vita.

 

Il fondamento del Progetto I >DEA consiste nel mettere in campo nuovi strumenti concreti (e trasferibili) con e per le ragazze e le donne con sclerosi multipla, perché solo una crescita della consapevolezza e del protagonismo può contribuire a fronteggiare gli impatti delle discriminazioni  e a sostenere altre donne nell’uscire da condizioni di invisibilità, violenza, molestie e difficoltà sia in campo lavorativo che in famiglia che nell’accesso a servizi socio-sanitari.

 

Il Progetto punta alla creazione della RED (RETE Empowerment Donne) cioè di una donna “sentinella” in ogni sezione che possa recepire e segnalare tutti i casi in cui la rete di supporto Aism può intervenire a sostegno e  a creare percorsi specifici di qualificazione  per gli operatori che dovranno dare di risposte da parte di AISM  alle  ragazze e alle  donne con sclerosi multipla.