AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Cerca la notizia

E.g., 27/09/2020
E.g., 27/09/2020
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

Progressive MS Alliance Industry Forum: è necessario uno sforzo collettivo per dare un trattamento alle persone con SM progressiva

08/09/2016

Pubblicato su Trends in Pharmacological Science un articolo sul nuovo modello di collaborazione internazionale per la ricerca scientifica sulle forma progressive di sclerosi multipla. Le associazioni SM, e quindi le persone, sono al centro di questa iniziativa


È stato recentemente pubblicato su Trends in Pharmacological Science un articolo che presenta il Progressive MS Alliance Industry Forum, un nuovo modello di collaborazione tra Associazioni SM, Accademia e Industria (farmaceutica e biotecnologica) per dare una risposta a circa un milione di persone nel mondo con sclerosi multipla (SM) progressiva, di cui 25mila solo in Italia.

 

Regista di questa iniziativa è la Progressive MS Alliance, una collaborazione internazionale di associazioni SM che finanzia la ricerca a livello mondiale per velocizzare lo sviluppo di terapie modificanti la progressione della malattia e il trattamento dei sintomi, e di cui AISM – Associazione Italiana Sclerosi Multipla - è una delle 6 organizzazioni fondatrici. La  collaborazione con l’industria è elemento chiave per raggiungere questa missione. Per questo l’Alliance ha creato l’Industry Forum.

 

Per accelerare lo sviluppo di un trattamento per le forme progressive di sclerosi multipla è necessario che tutti gli attori coinvolti nella SM condividano il proprio impegno per massimizzare l’impatto collettivo. È quello che l’Alliance Industry Forum intende promuovere. Una chiamata della Progressive MS Alliance a cui hanno già risposto le principali aziende farmaceutiche coinvolte nello sviluppo di trattamenti per la SM (Biogen, EMD Serono, Genentech-Roche, Novartis AG, Sanofy Genzyme e Teva) e la Comunità Scientifica internazionale.

 

Si tratta di modello innovativo perché coinvolge tutti gli attori principali della sclerosi multipla, mettendo al centro i bisogni delle persone con SM. Sostanziale differenza dell’iniziativa rispetto ad altre di questo tipo è, infatti, che le persone con SM, attraverso le Associazioni che le rappresentano, sono i catalizzatori di questa collaborazione. «L’elemento fortemente innovativo di questa iniziativa è che essa nasce direttamente dai pazienti attraverso le Associazioni che li rappresentano e che viene fortemente stimolata l’integrazione su obiettivi comuni dei principali centri di ricerca, evitando duplicazioni di ricerche e concentrando forti finanziamenti in base a specifiche priorità», dichiara il professor Giancarlo Comi, co-Presidente dell’Alliance Industry Forum e vice-Presidente del Comitato Scientifico della Progressive MS Alliance e direttore dell’Istituto di Neurologia Sperimentale (INSpe) dell’IRCCS Ospedale San Raffaele.

 

«La scienza della collaborazione richiede risorse ed attenzione: riteniamo che l’Industry Forum rappresenta un’opportunità unica che ci consentirà di individuare nuovi indicatori di impatto della ricerca, che riflettano lo sforzo comune di tutti gli attori coinvolti, solo così potremmo  garantire la massima efficacia a questa collaborazione, e dare finalmente  risposte alle persone con SM progressive», commenta Paola Zaratin Direttore Ricerca Scientifica della Fondazione di AISM, membro dello Scientific Steering Committee della Progressive MS Alliance e primo autore del lavoro.

 

Il Forum ha il ruolo essenziale di assicurare che l’esperienza dell’Industria sia integrata nel Programma di Ricerca dell’Alliance, a cui hanno risposto più di 550 ricercatori di tutto il mondo e su cui le Associazioni SM hanno già investito 22 milioni di Euro. Il Programma è centrato sulla creazione di network di eccellenza con l’obiettivo di favorire l’investimento dell’Industria in  trattamenti innovativi per le forme progressive di sclerosi multipla. 

 

Cosa è l’Industry Forum
L’Industry Forum è un gruppo consultivo del Comitato Scientifico della Progressive MS Alliance composto da rappresentanti dell’Industria, Accademia e Associazioni SM. Il Forum è presieduto da un rappresentante dell’Accademia e uno dell’Industria.  L’Industry Forum ha identificato due aree di collaborazione prioritarie di cui potranno beneficiare tutti gli attori coinvolti nella SM che si focalizzano sull’identificazione dei meccanismi responsabili della malattia e sulla condivisione di dati (Data sharing). Per avere terapie efficaci per la SM progressiva sarà importante capire i complessi meccanismi alla base della progressione e trovare nuovi target per poter traslare i risultati della ricerca in terapie. Iniziative di Data sharing permetteranno una migliore conoscenza della storia naturale delle fasi progressive di malattia, per migliorare la diagnosi, aumentare la selezione e la stratificazione dei pazienti negli studi clinici, monitorare la progressione della malattia con l’obiettivo finale di migliorare l’efficacia e la sicurezza di trattamenti innovativi per la SM progressiva.

 

PMSA
La Progressive MS Alliance è un'iniziativa internazionale senza precedenti che connette le risorse e gli esperti di tutto il mondo per trovare risposte e sviluppare soluzioni per porre fine alla SM progressiva. L'obiettivo dell'Alleanza è quello di accelerare lo sviluppo di nuovi trattamenti per la sclerosi multipla progressiva finanziando la ricerca migliore, ovunque esista. L'Alleanza è gestita dalle Associazioni SM di Stati Uniti, Canada, Italia, Australia e Regno Unito, e Federazione Internazionale SM (MSIF) , ampliando il sostegno finanziario e di risorse da queste e altre organizzazioni, come le Associazioni SM di Danimarca e Spagna, Belgio e Olanda.
> per maggiori informazioni ProgressiveMSAlliance.org

 

Progressive MS Alliance Industry Forum: Maximizing Collective Impact To Enable Drug Development.
Zaratin P, Comi G, Coetzee T, Ramsey K, Smith K, Thompson A, Panzara M.
Trends Pharmacol Sci. 2016 Aug 20. pii: S0165-6147(16)30094-3. doi: 10.1016/j.tips.2016.07.005. [Epub ahead of print]