Home >> Notizie

Ricerca internazionale sulla SM

Sclerosi multipla: sicurezza ed efficacia del rituximab

06/02/2017

Uno studio restrospettivo svedese ha analizzato oltre 800 persone cui era stato somministrato il trattamento. I risultati indicano effetti positivi sull'attività di malattia alla risonanza magnetica. Ridotto il tasso di progressione della disabilità in chi ha SM progressiva

 

Il nostro sistema immunitario è costituito da molte cellule che, in alcune patologie note come autoimmunitarie, vengono colpite dal sistema stesso. Rituximab è un farmaco iniettabile approvato dalla US Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento di molte malattie autoimmuni, ma non per la sclerosi multipla (SM). Tuttavia, nel corso degli anni, i neurologi lo hanno utilizzato con successo nella sclerosi multipla.

 

In uno studio svedese i ricercatori hanno valutato se il rituximab fosse sicuro ed efficace per le persone con SM che lo hanno assunto. L’analisi retrospettiva ha incluso retrospettivamente un totale di 822 persone con diversi tipi di SM (RR, PP e SP). Gli scienziati hanno osservato che il 7,8% delle persone a cui era stato somministrato rituximab presentavano effetti collaterali legati al sito di infusione, la maggior parte dei quali lievi. Un totale di 72 persone con SM ha riferito effetti collaterali da moderati a gravi, dovuti per lo più ad infezioni. Quattro persone sono morte durante il trattamento, tuttavia, nessuno di questi decessi risulta esssere correlato al rituximab.

 

Rituximab ha mostrato di ridurre l'attività di malattia in risonanza magnetica, e il tasso di progressione della disabilità nelle persone con SM progressiva. Gli autori hanno concluso che questo studio fornisce la prova della sicurezza e l'efficacia di rituximab. Lo studio è comunque retrospettico e per questo presenta molti limiti. Servono quindi  ulteriori indagini in futuri studi clinici.

 

Neurology. 2016 Nov 15;87(20):2074-2081. Epub 2016 Oct 19. Rituximab in multiple sclerosis: A retrospective observational study on safety and efficacy. Salzer J1, Svenningsson R2, Alping P2, Novakova L2, Björck A2, Fink K2, Islam-Jakobsson P2, Malmeström C2, Axelsson M2, Vågberg M2, Sundström P2, Lycke J2, Piehl F2, Svenningsson A2.

 

Fonte: MSIF



Approfondimenti

Torna su

Cerca la notizia


  • Facebook
  • Twitter
  • Flickr
  • Medium
  • Pinterest
  • Canale Youtube
  • Instagram
  • forum
Questo sito utilizza i cookie (propri e di altre parti) per migliorare la tua navigazione.
Proseguendo autorizzi l’uso dei cookie.
Leggi l'informativa
accetto