-A +A

Cerca la notizia

E.g., 25/02/2020
E.g., 25/02/2020
Home » News
AISM

Vitamina D e rischio di sclerosi multipla

28/08/2015

 

Uno studio di genetica pubblicato su Plos One ha dimostrato che bassi livelli di vitamina D dovuti a variazioni genetiche possono aumentare il rischio di SM.

 

Da tempo numerosi studi hanno evidenziato un’associazione tra bassi livelli di vitamina D e rischio di sclerosi multipla (SM); tuttavia, non è chiaro se questa relazione è causale. Un importante studio di genetica conferma che bassi livelli di vitamina D dovuti a variazioni genetiche possono aumentare il rischio di SM.

I ricercatori hanno prima confermato che quattro mutazioni genetiche, precedentemente identificate in studi di genetica genome-wide. determinavano bassi livelli di vitamina D. Successivamente hanno valutato se c’era un'associazione tra ridotti livelli vitamina D, dovuti a queste mutazioni genetiche, e la suscettibilità alla SM analizzando, con risonanza magnetica e analisi genetiche, 14.498 persone con SM e 24,091 controlli sani di origine europea.

I risultati hanno mostrato che una diminuzione genetica dei livelli di vitamina D era associata ad un rischio 2 volte maggiore di sclerosi multipla. Questo studio supporta un ruolo della vitamina D nella suscettibilità SM, ma gli stessi autori della ricerca suggeriscono che serviranno altri studi controllati a lungo termine per verificare se il supplemento di vitamina D possa prevenire l'insorgenza o la progressione della sclerosi multipla.

Vitamin D and Risk of Multiple Sclerosis: A Mendelian Randomization Study PLoS Med. 2015 Aug 25;12(8):e1001866. doi: 10.1371/journal.pmed.1001866. eCollection 2015.Mokry LE, Ross S, Ahmad OS, Forgetta V, Smith GD, Leong A, Greenwood CM, Thanassoulis G, Richards JB.

NOTE

[1]Gli studi di associazione genetica "genome wide" (in inglese genome-wide association study, o GWAS) sono un'indagine di tutti, o quasi tutti, i geni di diversi individui di una particolare specie per determinare le variazioni genetiche tra gli individui in esame. In seguito si tenta di associare le differenze osservate con alcuni tratti particolari, ad esempio una malattia.