-A +A

Cerca la notizia

E.g., 19/08/2019
E.g., 19/08/2019
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

Battere la sclerosi multipla a colpi di swing

AISM è partner dell'Open d'Italia Disabili, torneo internazionale di golf che apre le porte alle persone con sclerosi multipla 

16/05/2019
Golf

Nella foto: un'immagine dal reportage fotografico UNDER PRESSURE. Living with MS in Europe. ISLANDA 2011 @ Fernando Moleres

 

L’Open d’Italia Disabili, competizione internazionale organizzata sotto l’egida dell’European Disabled Golf Association e della Federgolf, apre anche alle persone con sclerosi multipla, che da questo 2019 potranno iscriversi e partecipare alla gara e “battere la sclerosi multipla” anche a colpi di swing.

 

«Lo sport fa bene anche a chi ha la SM e i suoi benefici vanno oltre il fisico, riguardano la capacità di avere obiettivi e trovare la strategie giuste per raggiungerli, dice Angela Martino, Presidente Nazionale di AISM, ecco perché siamo partner in questa bellissima esperienza dell’Open d’Italia Disabili, all’interno del torneo internazionale di Golf. Anche perché sport significa soprattutto inclusione, partecipazione, impegno. Attraverso tutto ciò, noi persone con SM, siamo cittadini entusiasti».

 

AISM è impegnata da tempo a studiare e monitorare come sport complessi e impegnativi abbiano un effetto positivo sulla gestione di una malattia come la sclerosi multipla. A seguito del progetto Wind of change, realizzato da FISM (Fondazione dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla) in collaborazione con  l’Università degli Studi di Genova è emerso anzi  che chi li pratica può migliorare del 10% la propria capacità di resistenza durante il cammino e nell’abilità a compiere gesti di motilità fine delle mani, senza riscontrare un aumento della fatica.

 

Ce lo dice la scienza, quindi: svolgere attività fisica non aiuta soltanto a mantenersi in forma, ma dona immediati benefici. L’umore migliora, la gestione dello stress e la concentrazione si allenano insieme al corpo, anche perché spesso e volentieri, gareggiare non vuol dire solo provare a vincere, ma impegnarsi a far meglio.

 

Il golf è uno sport adatto a tutti. Che grazie al meccanismo dell’handicap assegnato a ogni giocatore – che prescinde dalla disabilità ma solo alla sua abilità di gioco – . È l’unico sport in cui i giocatori di ogni livello o categoria gareggiano alla pari.

Iscriviti alla newsletter