AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Cerca la notizia

E.g., 17/09/2021
E.g., 17/09/2021
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

SM Italia 5/2015: la disartria nella sclerosi multipla

09/12/2015

La difficoltà di articolare la parola è uno dei possibili sintomi della SM. Circa una persona su 4 ne soffre, ma solo nel 5% dei casi richiede un comunicatore. Leggi la rubrica 'Non sapevo fosse SM'

Under Pressure - Living with MS in Europe
Nella foto: un'immagine dal reportage Under Pressure – Living with MS in Europe, Copyright: © 2011, Fernando Moleres.

 

La rubrica Non sapevo fosse SM pubblicata sul numero 5 di SM Italia 2015 descrive un sintomo particolare della sclerosi multipla: la difficoltà di articolare la parola. Questo intervento è a cura di Claudio Solaro, neurologo presso il Dipartimento di Neurologia Asl 3 Genovese, che svolge sia attività clinica nell’ambito del reparto, sia attività di ricerca.

 

Cos’è: La disartria rappresenta la difficoltà ad articolare la parola. La causa è la riduzione di controllo e coordinazione, da parte del sistema nervoso centrale, dei muscoli che si utilizzano quando si parla, o la debolezza di questi ultimi. Non vi è una chiara correlazione tra la sede delle placche e i sintomi, si ritiene che lesioni a carico del tronco dell’encefalo, del cervello ma anche sottocorticali, possano determinare il sintomo.

 

Incidenza: non vi sono molti dati sulla frequenza della disartria nelle persone con SM; si stima che circa 1 paziente su 4 abbia difficoltà nel linguaggio ma solo nel 5% la comunicazione richieda un comunicatore. La disartria è molto rara nelle fasi iniziali di malattia e in genere è di modesta entità.

 

Sintomatologia: alcune caratteristiche del linguaggio quali la velocità e gli intervalli tra le parole sono tra gli aspetti più spesso alterati, peraltro la persona può manifestare sintomi più sfumati come ritmo lento nel parlare, incapacità a parlare più forte di un sussurro, voce nasale (rinolalia), voce roca, ritmo irregolare o anormale del discorso (prosodia), difficoltà nei movimenti della lingua o dei muscoli facciali. Nei quadri molto gravi la persona può avere difficoltà nella capacità di comunicare e aver bisogno di uno strumento dove possa scrivere il proprio pensiero (un comunicatore).

 

Leggi la rubrica su SM Italia 5/2015 scaricando la rivista dal link in fondo alla pagina.

Seguici sui social

  • Facebook
  • Twitter
  • Canale Youtube
  • Instagram