AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Cerca la notizia

E.g., 27/09/2020
E.g., 27/09/2020
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

Congresso FISM 2018 - Research is bringing us closer

22/05/2018

Si svolge il 28, 29, 30 maggio 2018 presso l'Auditorium Antonianum in viale Manzoni, 1 di Roma, il convegno nazionale che AISM e la sua Fondazione FISM dedicano alla ricerca scientifica. Research is bringing us closer recita il titolo - come il motto della Giornata Mondiale della SM 2018. Saranno 200 i ricercatori provenienti da tutta Italia e dal mondo che faranno il punto sui 50 anni di ricerca sulla SM e quanto questa si è avvicinata e ha cambiato la vita delle persone evidenziando lo stato della ricerca e sul suo futuro.

 

Insieme, in 50 anni, abbiamo dato vita a un percorso di libertà da questa malattia e costruito un mondo diverso, dove avere la sclerosi multipla non è più una condanna senza appello né cura, ma una condizione a partire dalla quale si può comunque vivere una vita all’altezza delle proprie aspirazioni. Di tutto questo le persone con sclerosi multipla, punto di partenza e di arrivo di ogni progetto che AISM sceglie di finanziare, sono sempre più consapevoli. È vero anche che la ricerca sta avvicinandoci, sta unendo sempre di più chi ogni giorno fa ricerca con le persone che ogni giorno affrontano la sclerosi multipla e ricercatori e persone con SM di nazioni diverse sono sempre più uniti con un unico obiettivo.

 

Durante questi cammini di “connessione multipla” insieme a ricercatori, alle Associazioni di  nazioni diverse riunite nella Multiple Sclerosis International Federation, persone con sclerosi multipla, Istituzioni, industrie, operatori socio-sanitari, volontari e società civile la nostra Associazione di persone con SM, nei suoi 50 anni di vita, ha certamente giocato un ruolo significativo, mettendosi a disposizione per costruire tutti insieme una rete di collaborazioni che stanno facendo la differenza.

 

Altri due dati ci preme evidenziare: i 30 studi qui presentati e conclusi hanno generato 50 collaborazioni tra ricercatori di gruppi differenti. A dimostrazione che la ricerca vera è quella che si fa insieme e che, per questo, attiva e coinvolge reti sempre più ampie e moltiplica una comunicazione scientifica che raggiunge tutti.

 

Ora è il tempo, per tutti noi, di raccogliere e vincere le sfide che ancora restano in campo, per trovare finalmente risposte efficaci per chi ha forme progressive di SM, per bloccare la neurodegenerazione prima che diventi irreversibile, per favorire il recupero dei danni accumulati. E lo potremo fare insieme, con un’alleanza forte, progressiva, costruendo con il nostro lavoro e i nostri progetti le condizioni di una vera e propria scienza della collaborazione e della sostenibilità collettiva dove tutti investono e nessuno spende senza ritorni, dove tutti vinciamo e nessuno perde, dove si misura il reale impatto della ricerca per migliorare la vita delle persone, la società e la stessa scienza.